Ptolomeo Vino Wall | h 75 796025 192x192 0751 ptvinowall75w 1
Ptolomeo Vino Wall | h 75 1 796026 192x192 0751 ptvinowall75w 2
Ptolomeo Vino Wall | h 75 2 796027 192x192 0751 ptvinowall75w 4
Ptolomeo Vino Wall | h 75 3 796028 192x192 0751 ptvinowallw det

Ptolomeo Vino Wall | h 75

Aggiungi alla wishlist
Contenitori - Librerie - design Bruno Rainaldi

€ 431,00

Disponibile

Portabottiglie verticale in acciaio da parete, finitura bianco laccato lucido.
Quando vino e design si incontrano nasce Ptolomeo Vino, lo scenografico e innovativo portabottiglie reinterpretazione di Original Ptolomeo, la libreria Compasso d’Oro 2004.
Come accade per Original Ptolomeo, caratteristica peculiare di Ptolomeo Vino è quello di essere “contenitore” che si fa da parte per esaltare il proprio contenuto. Le protagoniste assolute sono le bottiglie di vino che sembrano essere sospese nell'aria. Ptolomeo Vino Wall è infatti composto da una colonna a cui è unito un sistema di mensole concave appositamente studiato per contenere le più svariate tipologie di bottiglie di vino e per risultare al tempo stesso il più possibile impercettibile. Spazio poi alla creatività, Ptolomeo Vino Wall è disponibile in tre misure - e 4 finiture - che combinandosi sono pronte a decorare qualsiasi tipo di parete.
Casa o enoteca, bar o ristoranti, Ptolomeo Vino Wall è l'oggetto di design imperdibile per ogni wine lover.

Codice: PTVINOWALL75W
Dimensioni: 22x15 cm, h 75
Materiale: acciaio
Finitura: bianco laccato lucido RAL 9003
Peso: 7 kg
Volume: 0,068 m3
Nota: capacità 8 bottiglie. Le mensole sono corredate da pratici elastici antiscivolo lavabili.

Potrebbero piacerti anche:
Ptolomeo Vino - h 155
Ptolomeo Vino - h 155 2
Contenitori - Librerie
€ 874,00
Original Ptolomeo - h 75
Original Ptolomeo - h 75 2
Contenitori - Librerie
€ 495,00
Bad Buddy - h 71
Bad Buddy - h 71 2
Contenitori - Librerie
€ 520,00
Original Ptolomeo - h 75
Original Ptolomeo - h 75 2
Contenitori - Librerie
€ 495,00
Bruno Rainaldi
Designer

Bruno Rainaldi

Bruno Rainaldi nasce a Milano nel 1952. Si forma sul campo, iniziando da giovanissimo a lavorare nella comunicazione del design. Dirige a Milano il primo High-Tech di Corso di Porta Ticinese, affianca prima Maddalena De Padova nello storico showroom di corso Venezia e poi Enrico Baleri come socio della Baleri & Associati, nella definizione di strategie di comunicazione per aziende e punti vendita di design. Sono questi inizi da autodidatta che in seguito lo spingeranno a definire se stesso in modo ironico e anticelebrativo “un designer da marciapiede” e il suo stile “caoticamente rigoroso”.

A metà degli anni ’80 fonda lo Studio Rari – di cui è l’anima e il direttore creativo – e inizia a collaborare come direttore artistico con le maggiori aziende italiane del design; Alivar, Casprini, MDF Italia, Mussi Italy, Sintesi, Slamp, Terzani, sono solo alcune alle quali si legherà. Negli stessi anni l’incontro con la famiglia Ciatti è l’inizio di un importante sodalizio personale e artistico che porterà alla nascita di CCR prima e di Opinion Ciatti poi.

Nei primi anni del duemila la svolta verso il mondo del progetto. Nel 2002 inaugura con Marta Giardini ENTRATALIBERA, uno specialissimo spazio nel cuore di Milano dedicato al design e alla sua cultura, alla vendita e all’incontro. Parallelamente la sua concentrazione si sposta sullo studio e la creazione di oggetti, arredi, complementi, lampade, nei quali l’esperienza del settore maturata negli anni si unisce all’invenzione progettuale.

Tra i tanti pezzi disegna la libreria Ptolomeo, che nel 2004 gli vale il Compasso d’Oro. Nel 2006 con un giovanissimo Lapo Ciatti appena entrato in azienda fonda Opinion Ciatti di cui Bruno Rainaldi è presidente, socio e direttore artistico. Scompare prematuramente a febbraio del 2011.