Mammamia Sled 784010 192x192 0751 product 240016 1
Mammamia Sled 1 784011 192x192 0751 product 240016 2
Mammamia Sled 2 784012 192x192 0751 product 240016 3
Mammamia Sled 3 784013 192x192 0751 product 240016 4

Mammamia Sled

Aggiungi alla wishlist
Sedute - design Marcello Ziliani

€ 1.019,00

Sedia con struttura a slitta in acciaio finitura oro 24 K con braccioli e scocca in pressofusione d’alluminio imbottita e rivestita in tessuto spalmato viola, non sfoderabile.
Versione imbottita di Mammamia Sled la sedia con struttura a slitta di Marcello Ziliani.
Una famiglia numerosa quella di Mammamia, la collezione di sedute che continua a stupire grazie al suo numero infinito di varianti.
In questa veste, le esili e accattivanti gambe di Mammamia, si trasformano in una più stabile struttura a slitta mentre la seduta, normalmente rigida, diventa morbida per rendere l’esperienza in compagnia di Mammamia ancora più confortevole. Pensata inizialmente per contesti contract, executive lounge, club esclusivi o ristoranti gourmet, è perfetta anche in casa per un’eleganza senza rivali.
Declinabile in nove colori qui ci svela tutta la sua delicatezza nella variante viola pastello.

Codice: MAMMASLBGTXT4
Dimensioni: 56x53 cm, h 80
Materiale: struttura in acciaio, scocca in pressofusione di alluminio, rivestimento in tessuto spalmato
Finitura: viola pastello/oro
Peso: 7 kg
Volume: m3
Nota: certificata UNI-EN 16139:2013 in materia di resistenza, durabilità e sicurezza.

Potrebbero piacerti anche:
Shoe Stool
Shoe Stool 2
Sedute
€ 409,00
Shoe Stool
Shoe Stool 2
Sedute
€ 701,50
Love
Love 2
Sedute
€ 1.095,00
Shoe Stool
Shoe Stool 2
Sedute
€ 701,50
Marcello Ziliani
Designer

Marcello Ziliani

Marcello Ziliani nasce a Brescia nel 1963 sotto il segno dei pesci.

Si laurea in architettura al Politecnico di Milano nel 1988 con Achille Castiglioni come relatore (e maestro ineguagliato).

Si dedica prevalentemente al design sviluppando progetti per i settori dell’arredamento, del complemento, dell’illuminazione, del bagno, dell’ufficio e della prima infanzia, occupandosi al contempo di allestimenti, scenografie teatrali, art direction e comunicazione con un occhio sempre attento a temi come la sostenibilità e la “producibilità agile” che hanno per lui grandissima importanza.

Non ama gli assolutismi e le sicurezze incrollabili, gli piace parlare piano e soprattutto ascoltare. Crede che qualsiasi progetto sia, in fondo, un desiderio, una speranza di volo. E che, nonostante le grandi corse che si fanno agitando inutilmente le braccia, prima o poi dieci metri in planata si riescano sempre a fare.

Come tutti, “chi più chi meno”, ha messo da parte la dotazione minima indispensabile di premi e riconoscimenti, ha tenuto conferenze, workshop e fatto parte di giurie e mostre.

Dal 2011 insegna design di prodotto al corso di laurea in disegno industriale all’università di San Marino/IUAV.