Papavero 759724 192x192 0751 papavero57r 1
Papavero 1 759725 192x192 0751 papavero57r 2
Papavero 2 759726 192x192 0751 papavero57r 3
Papavero 3 759727 192x192 0751 papavero57r 4
Papavero 4 759728 192x192 0751 papavero57r 5
Papavero 5 759729 192x192 0751 papavero57r 6

Papavero

Aggiungi alla wishlist
Oggetti - design Gherardo Frassa

€ 110,00

Disponibile in 5 giorni

Oggetto poetico da tavolo a forma di fiore in acciaio o ottone a seconda della tipologia con base rotonda irregolare. Tre finiture, due dimensioni. Firmato sotto la base.
I Papaveri Delicati sono fiori per tutte le stagioni, sottratti alla caducità del tempo perché realizzati in metallo, ma capaci di mantenere intatta tutta la loro poesia. Mini sculture insolite e gentili che attirano inevitabilmente lo sguardo, ma anche tocchi di colore per tutti quegli spazi, pubblici o privati, che vogliono essere sempre vivi e frizzanti.

Codice: PAPAVERO57R
Dimensioni: 9x9 cm, h 57
Materiale: base e stelo in acciaio inox, fiore in acciaio
Finitura: rosso
Peso: 1 kg
Volume: 0,009 m3
Nota: lavorazione artigianale, ogni pezzo è unico

Potrebbero piacerti anche:
Papavero
Papavero 2
Oggetti
€ 102,00
Ombres de Chats 5
Ombres de Chats 5 2
Oggetti
€ 111,00
Papavero
Papavero 2
Oggetti
€ 164,00
Madama.B
Madama.B 2
Oggetti
€ 147,00
Gherardo Frassa
Designer

Gherardo Frassa

Nasce nella valle dei Camuni, la valle dei graffiti e del ferro. Poi inizia a viaggiare: Milano, Londra, Parigi, 7 anni on the road negli Stati Uniti. Torna infine a Milano dove apre il negozio “Balocchi e profumi” in cui respirare l’aria di novità che distingue le sue scoperte.

Per conoscere Gherardo Frassa scomparso prematuramente nel giugno del 2014, basti dire che definiva se stesso come un “eventologo” e che ha trascorso la sua vita tra arte, artigianato, moda e design. Mostre, libri, opere, oggetti, omaggi culturali, ricerche, ricostruzioni, iniziative commerciali, si è dedicato alle più svariate attività sempre con lo stesso anticonformismo, amore per l’inconsueto (specialmente se ha intelligenza e storia dietro di sé), attenzione maniacale per il particolare al quale univa strabordante ironia e allegra modestia.

L’amore per i graffiti, per il ferro e per il particolare trovano la sua massima espressione nel “travestimento” che forse ha amato di più e a cui ha dedicato i suoi ultimi anni di vita. Il coltivatore di fiori di latta, l’ideatore di quelle piccole sculture realizzate interamente in latta, dipinte a mano, raffiguranti fiori dalle forme più strane e fantasiose e ispirate dai disegni originali del futurista Osvaldo Bot e dalla sua “Flora meccanica futurista”.