Inriga

Aggiungi alla wishlist
Accessori - design Claudio Bitetti

€ 173,00

Disponibile in 5 giorni

Supporto a parete in acciaio inox per sei bottiglie. Incisione con marchio OC. Confezione da 2 pezzi.
Il concetto di Inriga è estremamente semplice, un supporto a parete con delle piccole scanalature create per sorreggere le bottiglie (siano esse di plastica o di vetro) unicamente attraverso il collo delle bottiglie stesse. Una volta riempito Inriga scompare e le bottiglie sembrano fluttuare nell’aria. Perfetto in cucina, grazie alla pulizia delle linee puo’ essere collocato nel living, in un terrazzo o dovunque ce ne sia la necessità. Soluzione semplice ed efficace per arredare gli spazi contract come bar o ristoranti. Una struttura componibile per creare vere e proprie pareti di bottiglie.

Codice: INRIGA
Dimensioni: 62x6 cm, h 3
Materiale: acciaio inox
Finitura: acciaio inox
Peso: 1,3 kg
Volume: 0,003 m3
Nota: venduto in confezione regalo da 2 pezzi. Ferramenta non inclusa

Potrebbero piacerti anche:
Autunno a NY
Autunno a NY 2
Accessori
€ 135,00
Fermaporte
Fermaporte 2
Accessori
€ 125,00
Fermaporte
Fermaporte 2
Accessori
€ 125,00
Madama.B
Madama.B 2
Accessori
€ 135,00
Claudio Bitetti
Designer

Claudio Bitetti

Claudio Bitetti nasce ad Aosta nel 1962 e si laurea al Politecnico di Milano in Disegno Industriale. All’attività di designer per la quale collabora con varie aziende come Alivar, Ciatti a Tavola, Dilmos, EmmeBi, Minotti Italia, Movelight e Sturm Und Piastic, solo per citarne alcune, affianca quella progettista d'interni realizzando negozi e abitazioni private.

Il suo approccio al progetto si esprime attraverso concetti quali flessibilità, dinamismo delle forme, scomposizione, rafforzati da un’idea estetica che mira alla poetizzazione dell’oggetto senza sminuirne la riconoscibilità e l’efficacia funzionale.

Sempre alla ricerca del senso che supera il tradizionale concetto di valore d’uso, i suoi oggetti attraversano lo spazio della casa, obbligando chi lo vive, come ha ben affermato Fiaviano Celaschi, docente e preside vicario della facoltà di Disegno Industriale di Milano, “a sfruttare la pluralità dei sensi, a impiegare il doppio-senso, a elaborare il buon-senso”.